Corso Pitbull. Corso di formazione Come crescere un Pitbull – Proprietari responsabili, cani felici

Il corso di formazione “Come crescere un PitBull. Proprietari responsabili, cani felici” si svolgerà presso il nostro Centro Sportivo Cinofilo Dog Fit A.S.D. domenica 29 Settembre 2019 a Roseto degli Abruzzi (TE). Orario 09.30 – 18.30. Il corso è gratuito per tutti i proprietari dei nostri Pitbull. L’obiettivo della giornata è quella di fornire informazioni corrette ed esaustive su come crescere un cucciolo di American PitBull Terrier grazie ad una idonea gestione, evitando gli errori più comuni, approfondendo la conoscenza di questo fantastico animale, il suo modo di comunicare e di interagire con i suoi simili e con l’uomo. Conoscere motivazioni e caratteristiche dei Terrier di tipo Bull.

RELATORE FULVIO FIUME (Educatore APNEC, Addestratore ENCI).

VIENE RILASCIATO ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE

Info e prenotazioni 3293926143

QUI TROVI TUTTE LE INFO DEL CORSO

corso formazione pitbull

 

corso pitbull

pitbull solo

Quanto può essere lasciato solo un Pitbull? L’eccessiva solitudine per un cane è fonte di stress

Il cane, essendo un animale sociale, percepisce la solitudine in maniera poco naturale, in particolar modo se parliamo di un esemplare di pochi mesi. “Per questo i cuccioli – così come raccomandato dai Medici Veterinari della FNOVI (Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani) – non possono essere lasciati soli per più di quattro ore di seguito durante il giorno. I cani adulti sono molto più adattabili, ma un periodo di solitudine continuativo di più di sei-sette ore è comunque causa di sofferenza”.

Il Pitbull, per il suo innato attaccamento al proprietario ha ancora più bisogno, rispetto a cani di altre razze, del contatto con le persone e con la famiglia.

Abituare il proprio cane a rimanere solo, deve essere un processo graduale, che accompagna il piccolo sin dalle sue prime settimane di vita. “Questo vale – spiegano gli esperti FNOVI – soprattutto per i cuccioli che fin dal primo giorno di adozione devono essere abituati a restare soli, anche per pochi minuti. Per questo motivo è utile cominciare da subito a non rispondere a tutte le richieste di attenzione. Una buona strategia è impedire al cucciolo di seguire i proprietari dovunque: una porta chiusa deve essere una condizione normale e accettabile nella quale il cane semplicemente aspetta che il proprietario torni”.

L’esercitazione può iniziare piano piano già qualche giorno dopo il loro arrivo nella nuova casa. Si parte con qualche minuto alla volta per poi aumentare gradualmente fino ad arrivare a tempi più lunghi. Ci possiamo aiutare con qualcosa di appetibile come un osso, un corno di bufalo o di cervo, così da distrarlo e impegnarlo in attività per lui soddisfacenti. Si renderà conto che rimanere solo non è poi così terribile e assocerà quel momento ad una esperienza tutto sommato positiva.

Una volta adulto, il cane si abitua senza problemi ai ritmi della famiglia, che per esigenze lavorative o scolastiche, deve lasciare la casa durante la giornata. Rimangono però ferree le uscite che gli consentono di espletare i bisogni, esplorare il territorio circostante, sgambare, giocare etc. Ricordarsi sempre che l’American Pitbull Terrier è un cane dinamico, soprattutto una volta adulto, per cui è importante soddisfare di tanto in tanto le sue esigenze. Se ci sono nella zona parchi dedicati o centri cinofili con aree gioco, non esitate a portarci il vostro cane, in maniera tale che possiate costruire con lui una perfetta relazione. Un sano equilibrio che consenta sia al Pitbull che ai proprietari di convivere nel migliore dei modi.

Costruita in modo errato, senza un processo di separazione graduale, la solitudine può diventare per il Pitbull e per il cane in generale fonte di ansia e/o di stress; condizioni che, se non trattate in maniera adeguata, potrebbero sfociare in problematiche serie e permanenti.

La raccomandazione è quella di rivolgersi sempre a educatori cinofili esperti e qualificati, che sappiano riconoscere e affrontare assieme al proprietario eventuali comportamenti da correggere.

 

Blu e Mila American Pitbull Terrier red nose Cioccolato e bianco

Corso formazione PitBull. Come crescere un PitBull – proprietari responsabili, cani felici

Il corso di formazione “Come crescere un PitBull. Proprietari responsabili, cani felici” si svolgerà presso il nostro Centro Sportivo Cinofilo Dog Fit A.S.D. domenica 30 Giugno 2019 a Roseto degli Abruzzi (TE). Orario 09.30 – 18.30. L’obiettivo del corso è quello di fornire informazioni corrette ed esaustive su come crescere un cucciolo di American PitBull Terrier grazie ad una idonea gestione, evitando gli errori più comuni, approfondendo la conoscenza di questo fantastico animale, il suo modo di comunicare e di interagire con i suoi simili e con l’uomo. Conoscere motivazioni e caratteristiche dei Terrier di tipo Bull.

RELATORE FULVIO FIUME (Educatore APNEC, Addestratore ENCI).

Info e prenotazioni 3293926143

QUI TROVI TUTTE LE INFO DEL CORSO

 

cucciola bianca american pitbull

Lettera ai proprietari dei nostri cuccioli di Pitbull

Messaggio per tutti i nuovi proprietari dei nostri cuccioli di America PitBull Terrier.

Davvero grazie per averci scelto, come avete potuto vedere i nostri sono cani di famiglia e siamo sicuri rimarranno tali. A chi “non ci convince” restituiamo l’acconto e non diamo il cucciolo, dunque se attualmente uno dei nostri è con voi è perché vi abbiamo ritenuto persone fantastiche e consapevoli della razza. Vogliamo ricordare a tutti che l’American PitBull Terrier ama il proprietario e tutti coloro che vivono quotidianamente con lui; è un cane da difesa più che da guardia. L’attaccamento viene costruito con la convivenza e il rispetto reciproco, non è possibile pretendere che si venga riconosciuti della “famiglia” se lo si lascia a vivere fuori senza contatti con le mura di casa né con le vostre consuetudini. Soprattutto i primi periodi che li vede lontani dalla mamma, dai fratelli, zii, nonni e noi, i cuccioli hanno bisogno di coccole e attenzioni…senza esagerare ma facendoli sentire protetti. Qualche giorno dopo l’ingresso nella nuova famiglia, è bene iniziare a dare anche delle regole per non far crescere il piccolo in maniera selvaggia e viziata e gettare le basi per un sereno sviluppo del Pit. Se si commettono errori in questa delicata fase della crescita, sarà difficilissimo riparare il danno. Il recupero di un Pitbull adulto è lungo con esiti spesso negativi. L’errore più grande sarebbe quello di non farlo uscire regolarmente, prelcudendogli l’incontro con i suoi simili o esperienze naturali che gli servono a non covare risentimenti nei confronti di altri cani, una volta adulto. Il problema maggiore sarebbe quello che da grande, non riusciate a portare a spasso il vostro amico a 4 zampe perché ringhia, tira o sbraita al passaggio di un altro cane. Sarebbe poco piacevole per entrambi!!! La razza e il carattere di ogni cucciolo fanno tanto, ma altrettanto fanno la modalità di crescita e l’ambiente in cui è immerso il cane. Non fategli dimenticare il verde in cui è nato, portandolo ogni tanto a correre in qualche prato ma nello stesso tempo fategli sentire la vostra presenza e dategli modo di vivere la casa assieme a voi.

Non dimenticatevi mai di farlo mangiare; lasciate sempre dell’acqua a disposizione; se lo vedete più giù del solito, inappetente, vomita, fa diarrea, o vi rendete conto che qualcosa non va, non esitate a portarlo dal veterinario; ogni anno ripetete i vaccini (anche secondo la profilassi delle vostre zone) e almeno ogni 6 mesi le sverminazioni (le pasticche sono comodissime e si possono prendere direttamente anche in farmacia); fatelo giocare sempre o appena vi si presenta l’occasione, perché avete scelto una razza dinamica, che potete tenere molto meglio sotto controllo proprio con gli esercizi (non solo fisici ma anche di attivazione mentale); se avete centri di educazione nella vostra zona approfittatene per fare delle puppy class (incontri di socializzazione con altri cuccioli di altre razze), è un modo genuino per far divertire il piccolo e insegnargli a comportarsi con in suoi simili; non rinchiudete il cucciolo in casa perché magari stenta ad uscire, altrimenti al timore iniziale si aggiunge la pigrizia (i primi giorni il cucciolo è spaventato perchè abituato a muoversi sempre in branco con i fratelli e gli adulti, quindi faticherete un po a portarlo al guinzaglio, l’importante è non mollare e in poco tempo le uscite diventeranno naturali); tante tante tante tante tante tantissime passeggiate, anche brevi ma tante…una volta adulto vanno bene quelle 2 o 3 al giorno per i bisogni, lo svago e il gioco quotidiano.

Ci teniamo soprattutto che giochino con i bambini, questo per far sì che (anche se non ne avete in casa) siano sempre felicemente attratti da loro anche quando siete a passeggio nei luoghi pubblici o qualcuno con figli vi viene a trovare. Sapete bene che i nostri cuccioli crescono con il nostro amore ma anche con quello dei nostri nipotini che sin dai primi giorni di vita li vengono a coccolare. Non perdete occasione per far giocare il cucciolo con i bambini perché è anche un modo per farlo abituare alle urla e ai comportamenti inaspettati…è un po quasi come una scuola di sopravvivenza ma che li forgia davvero bene.

Ricordatevi che un cane è una grande responsabilità…dovrete accudirlo e seguirlo per i vostri prossimi 14 anni. Se cambiate casa sceglietene una con spazi idonei anche per lui; se vi separate dovrete comunque continuare ad amarlo e non pensare di darlo via; se andate a lavorare lontani, cercate prima ad una sistemazione per lui, o meglio ancora lo portate con voi. Purtroppo sono tantissimi i messaggi delle persone che per un motivo o un altro non possono più tenere il proprio Pitbull, soprattutto al raggiungimento della sua maturità (attorno all’anno e mezzo). In tanti si rendono conto di non riuscire a gestire più quello che fino a pochi mesi prima era il loro cucciolone e decidono di abbandonarlo. Ecco….se vi abbiamo scelti è perché sappiamo che con voi questi problemi non sorgeranno; siamo consapevoli di aver dato il nostro cucciolo a famiglie coscienziose che in caso di problemi cercano la via per la soluzione che non sia quella dell’abbandono.

A volte si fanno errori nel crescere il proprio cane, ma con il Pitbull si dovrebbe fare attenzione, ricordatevi che in caso esistono percorsi di educazione e rieducazione. Nella vostra zona sicuramente ci saranno centri abilitati nei quali fare delle bellissime esperienze anche sportive. Il Pitbull è un cane da presa, un terrier di tipo bull e i tecnici vi potranno insegnare come giocare con il vostro amico a 4 zampe…può prendere parte a diverse discipline divertenti ed appaganti, sia per lui che per voi.

Ve lo abbiamo accennato ma lo ripetiamo: se avete modo stipulate un’assicurazione, così state sicuri che se dovesse accadere qualcosa con il vostro cane siete coperti.

Non dimenticatevi di ultimare il passaggio presso la vostra ASL di appartenenza o ufficio dedicato.

Insomma amate incondizionatamente il nostro cucciolo, ma ricordatevi sempre che non potete trattarlo come una persona, rischiereste di snaturarlo e mancargli di rispetto. Imparate a comunicare con lui e ricordatevi che ha un linguaggio tutto suo per cui non serve alzare troppo la voce o dargli punizioni, bastano davvero pochi e semplici gesti per farvi rispettare e guadagnarvi il primo posto nel suo cuore.

Per ogni dubbio siamo sempre a disposizione, a qualunque ora, anche se a volte il cellulare fatica a prendere, cercheremo di richiamarvi o rispondervi il prima possibile, a tal proposito consigliamo sempre whatsapp…internet da noi funziona meglio del cell.

Un caro saluto da Fulvio e Luisa

Il kit della neomamma – vitamine, calcio e crocchette puppy

Il nostro kit per la neomamma

E’ Fondamentale che la neomamma appena dopo il parto venga nutrita adeguatamente per far sì che non si vada incontro ad un eccessivo dimagrimento; quest’ultimo non dovrà superare mai il 10% del suo normale peso corporeo. La mamma assumerà più cibo del solito fino a circa un mese dopo il parto. In realtà già qualche settimana prima della nascita alla mamma somministriamo oltre al suo mangime regolare, anche parte di quella che sarà l’alimentazione futura dei cuccioli. In questa maniera i piccoli pitbull iniziano ad assumere indirettamente le crocchette con cui li svezziamo “puppy medium” noi usiamo generalmente le Wise Natural Dog, le Monge Puppy o le Exlusion Puppy, ma in commercio ce ne sono di diverse tipologie (QUI puoi leggere un nostro articolo dedicato). Quando dalla clinica veterinaria ci viene confermata la gravidanza tramite ecografia, alla futura mamma diamo vitamine e calcio, per il corretto sviluppo del feto e per aiutare la gestante stessa nelle settimane antecedenti la nascita dei cuccioli. Le vitamine che diamo alla mamma sono le VMP della Zoetis e CALCIO AD3 PLUS della Bayer, entrambe reperibili in farmacia.

Il nostro kit dedicato alla neomamma comprende vitamine, calcio, crocchette puppy, tante tante cure e infinite attenzioni (che non bastano mai!!!).

VMP della Zoetis è indicato per la nutrizione della razione alimentare dei cani in condizione normali o in caso di aumentato fabbisogno vitaminico e minerale. VMP TAVOLETTE trova infatti utile impiego: • Nell’integrazione quotidiana della normale razione alimentare. • In caso di aumento dei fabbisogni nutrizionali, come accade ad esempio negli animali giovani in accrescimento, nelle cagne in gravidanza e allattamento, nei soggetti sportivi in allenamento o durante il lavoro. • Nei periodi di convalescenza successivi a malattie infettive o comunque debilitanti, a trattamenti antibiotici o chemioterapici. • In caso di specifiche carenze energetiche o vitaminiche e minerali per cause diverse. • Nel trattamento complementare delle affezioni cutanee di diversa origine ed eziologia, per favorire la ricostituzione dei tessuti nonché la crescita di un mantello folto e lucido. Modalità d’uso Somministrare direttamente o mescolando le tavolette con una piccola quantità di alimento. Nella maggior parte dei casi le compresse risultano gradite ed assunte volontariamente dagli animali. La dose consigliata è di 1 tavoletta al giorno ogni 10 kg di peso corporeo pari a circa: • Cuccioli: ½ -1 tavoletta • Cani adulti: da 1 a 4 tavolette in relazione alla taglia

CALCIO AD3 PLUS della Bayer è un mangime complementare in compresse solubili che favorisce la corretta formazione ossea nella fase di crescita. Calcio AD3 Solubile Sviluppo assicura ai cuccioli la quantità di calcio di cui hanno bisogno.

Prenotazioni Ottobre 2018 cuccioli Pitbull

Si accettano prenotazioni per i cuccioli di pitbull UKC accoppiamento Blu x Oxa.

I cuccioli nasceranno verso la 3° settimana di Ottobre 2018 e verranno “consegnati” con regolare libretto sanitario (completo di timbri, firme e recapiti della clinica veterinaria), sverminati (vengono effettuate 3 sverminazioni dal medico veterinario), vaccinati (ciclo completo – 3 vaccini) e microchippati. Con Pedigree ACCP (DNA depositato). Consegniamo certificato del medico veterinario che attesta il buono stato di salute dell’esemplare. Tutti i cuccioli sono esenti da Atassia Cerebellare. Test genetici atassia cerebellare (NCL-A).  Cediamo i piccoli con orecchie integre.

I cuccioli verranno consegnati dopo il 75 giorno di età.

Il prezzo dei cuccioli è di 850€

INFO e prenotazioni 3293926143 (Fulvio Fiume)

Non dimenticare di leggere le risposte alle principali domande FAQ.

Per ricevere tutti gli aggiornamenti sulla tua email iscriviti alla nostra mail list Qui

Teniamo in considerazione solo persone e famiglie desiderose di passare i loro successivi 10/15anni dando amore e rispetto ai nostri cani. Ciò non significa lasciarli soli in giardino, legati in catene o abbandonati a guardia di campagne e capannoni. Selezioniamo con cura il giusto proprietario, consapevole che nel corso della crescita del cane, saremo sempre presenti e disponibili affinché si scelga la migliore tipologia comportamentale da adottare con un American Pit Bull Terrier, incluse eventuali attività fisiche e sport idonei alla razza.

Il futuro proprietario si impegna a tenere, nutrire e curare nel tempo il nostro cucciolo in maniera adeguata e a garantirgli all’occorrenza giusta assistenza veterinaria (vaccinazioni regolari, controlli generali dello stato di salute etc).

TUTTI I NOSTRI CUCCIOLI SONO ESENTI DA ATASSIA CEREBELLARE

Guarda i test Cos’è l’atassia?

Ci piace rimanere in contatto con le nuove famiglie e ricevere periodicamente foto e/o video del cucciolo, oltre ad essere contattati in caso di dubbi su educazione e/o addestramento.

I cuccioli ribadiamo verranno ceduti non prima dei 75gg con le tre vaccinazioni, tutti i cicli di sverminazione, microchip, pedigree ACCP e certificato medico di buona salute rilasciato dalla Clinica Veterinaria. Una volta preso il proprio, si consiglia comunque di farlo “conoscere” al veterinario “di fiducia” che lo seguirà per tutto l’arco della sua vita.

Vai ai cuccioli disponibili