Cosa dare da mangiare a un cucciolo di pitbull quando arriva a casa

Solitamente un cucciolo di pitbull, una volta arrivato nelle nostre case è già ampiamente svezzato. Sta all’allevatore scegliere una dieta equilibrata in base alla grandezza dei cani e più in avanti alla loro attività fisica, pertanto tenderà a selezionare mangimi puppy con proprietà nutrizionali adeguate alla razza.

Ai nostri pitbull, cuccioli e grandi preferiamo dare cibo secco e non umido. Magari bagnarlo con acqua tiepida o a volte un brodino naturale (preparato con verdure e carne/pesce) può aumentare le proprietà nutrizionali delle crocchette. Ma se si parte da una buona base, non è necessario integrare il secco con altri alimenti. Ciò non toglie che che non possiamo dar loro carne o altri cibi privi di condimenti.

Una volta che i cuccioli vanno nella loro nuova casa, è bene che la famiglia prosegua l’alimentazione dell’allevatore, in modo da evitare problemi gastrointestinali. Per un piccolo l’arrivo in una nuova casa è già un momento di stress, quantomeno diamogli l’opportunità di non aggiungere ulteriori stravolgimenti e nutrirlo con quanto per lui di più familiare possibile ci sia.

crocchette-exclusion-puppyQuest’anno per i piccoli abbiamo scelto le Exclusion medium Puppy Pollo linea Mediterraneo. Si tratta di una linea monoproteica di alimenti per cani, di qualità super premium, che trae spunto dalla tradizione mediterranea, di cui contiene i migliori ingredienti: olio di oliva, pomodoro, melograno, piselli e cicoria. Utilizza la carne disidratata del pollo, pesce, anatra, agnello e coniglio per la loro elevata digeribilità, il granoturco e il riso, entrambe di produzione nazionale, come fonti di carboidrati. Fornisce un’alimentazione completa ed equilibrata propria della migliore tradizione mediterranea. Exclusion Mediterraneo utilizza un’unica fonte di proteine animali disidratate, ottenute dalla carne fresca attraverso uno specifico processo di cottura, che elimina circa il 60% di acqua, rimuove i batteri, virus, parassiti e la rende più sicura. Il risultato é un prodotto con una concentrazione proteica di circa 5 volte superiore rispetto alla carne fresca a parità di peso indicato.

Quindi ci raccomandiamo ai futuri proprietari di acquistare il sacco già prima dell’arrivo in casa del cucciolo. Il costo è di 45€ circa per 12,5Kg. Quando venite a ritirare il piccolo vi daremo anche noi qualche chilo di prodotto. Una volta terminato, potete optare per il mangime che più vi piace, l’importante è che lo inseriate gradualmente nella ciotola, iniziando con una manciata, poi metà e metà, fino al cambio definitivo che avverrà in una decina di giorni.

Ti può interessare anche ALIMENTAZIONE CUCCIOLI PITBULL

cucciola pit bull

Cuccioli American Pit Bull Terrier 2017

 

Il 3 maggio 2017 sono nati 10 cuccioli di American Pit Bull Terrier figli di Blu e Mila. Il parto, avvenuto naturalmente è durato circa 10 ore e Mila come sempre ha voluto che seguissimo attentamente la nascita di ciascuno dei suoi piccoli, dando alla luce 5 bei maschietti e 5 splendide femminucce.

Presto sul sito, nella pagina dedicata ai “cuccioli disponibili” inseriremo le foto di ciascuno di essi, dando la possibilità ai futuri proprietari di scegliere il proprio.
Rispetteremo cronologicamente la lista di attesa e chi aspetta da tempo avrà la priorità sugli altri.

Teniamo in considerazione solo persone e famiglie desiderose di passare i loro successivi 10/15anni dando amore e rispetto ai nostri cani. Ciò non significa lasciarli soli in giardino, legati in catene o abbandonati a guardia di campagne e capannoni. Selezioniamo con cura il giusto proprietario, consapevole che nel corso della crescita del cane, saremo sempre presenti e disponibili affinché si adotti un comportamento giusto e una corretta comunicazione, incluse eventuali attività fisiche e sport idonei alla razza.

Siamo certi che il futuro proprietario si impegnerà a tenere, nutrire e curare nel tempo il nostro cucciolo in maniera adeguata e a garantirgli all’occorrenza giusta assistenza veterinaria (vaccinazioni regolari, controlli generali dello stato di salute etc).

Ci piace rimanere in contatto con le nuove famiglie e ricevere periodicamente foto e/o video del cucciolo, oltre ad essere contattati in caso di dubbi su educazione e/o addestramento.

I cuccioli verranno ceduti non prima dei 75gg con le tre vaccinazioni, tutti i cicli di sverminazione, microchip, pedigree ACCP e certificato medico di buona salute rilasciato dalla Clinica Veterinaria. Una volta preso il proprio, si consiglia comunque di farlo “conoscere” al veterinario “di fiducia” che lo seguirà per tutto l’arco della sua vita.

Atassia Cerebellare – i nostri cani esenti dalla malattia

Volevamo informarvi che Blu e Mila, genitori dei cuccioli nati il 3 maggio 2017 sono esenti da Atassia Cerebellare (NCL-A) entrambi infatti possiedono due copie normali del gene ARSG, quindi non trasmetteranno la mutazione alla discendenza (test genetico eseguito in Francia presso Antagene Sa –  Laboratorio di ricerca e di analisi in genomica animale).

Di conseguenza anche i loro cuccioli sono perfettamente sani e non manifesteranno né trasmetteranno la malattia.

L’atassia cerebellare è una malattia che solitamente si manifesta tra i 3 e i 5 anni di vita e deriva da patologie del cervelletto o da lesioni che interessano le vie spino-cerebellari. Si tratta di un’anomalia genetica tipica degli Amstaff ed è  caratterizzata dall’incapacità di regolare l’entità e l’ampiezza dei movimenti con conseguente dismetria. Spesso si manifesta con dei barcollamenti, tremolii e difficoltà per il cane di coordinare i movimenti muscolari. Pian piano, la degenerazione delle fibre nervose porta all’impossibilità del cervello di ricevere correttamente informazioni sulla posizione del corpo, con la conseguente incapacità di percepire lo spazio e quindi muoversi all’interno di esso.

Non potendo avere una diagnosi precoce, quando insorgono i primi sintomi, è impossibile rallentare o bloccare il decorso degenerativo dell’atassia. Spesso gli esemplari che presentano questa patologia vengono soppressi.

Vi ricordiamo che non è sufficiente che i genitori dei cuccioli siano soggetti in buona salute, infatti potrebbero essere portatori di atassia senza mai ammalarsi, fate attenzione quindi  perchè accoppiando due soggetti portatori si avranno il 25% dei soggetti sani, il 25% affetti e il 50% portatori.

TEST MALATTIE GENETICHE