cuccioli american pitbull terrier 2014

I cuccioli al primo vaccino

 

Ieri tutti i cuccioli hanno fatto il primo vaccino, che segue le tre sverminazioni effettuate nelle scorse settimane (ultima venerdì 14 novembre). Quarta visita generale. I cuccioli ad ogni sverminazione, sono stati sottoposti ad accurato controllo dell’equipe veterinaria, che ha confermato l’ottimo stato di salute dell’intera ciurma. Attualmente a disposizione rimangono 4 femmine e 1 maschio. Per vedere le foto e/o prenotarne uno puoi cliccare QUI.
Seguici su facebook.

alimentazione cuccioli pitbull

Alimentazione cuccioli pitbull

I cuccioli di American Pitbull Terrier (APBT), non devono seguire un’alimentazione specifica. Sono generalmente soggetti molto forti che non  necessitano di un mangime in particolare. Per loro vale però la regola generale, cioé quella di non acquistare prodotti di bassa qualità. Farli mangiare in modo sano è la base per la crescita del vostro cucciolo. I primi mesi sono fondamentali e i piccoli hanno bisogno di tutti gli elementi contenuti nelle crocchette di una certa qualità. Ovviamente ciò non vuol dire per forza di marca, l’importante è badare alla composizione. Alcuni marchi, anche i più noti, come alimento principale utilizzano i cereali (perché economici), ma come sappiamo, essendo principalmente carnivoro, il cane, anche se negli ultimi decenni abituato ad ogni genere di prodotto alimentare, rimane pur sempre un discendente del lupo; anche i denti ne sono una comprova. Tante grandi aziende sperimentano i loro mangimi sugli animali e noi cerchiamo di evitarle. Ne esistono alcune, anche italiane, che sono di ottima qualità e soprattutto cruelty-free.

I nostri cuccioli generalmente vengono svezzati con crocchette puppy della Monge Premium. Costo di mercato che si aggira attorno ai 42€ per 15 Kg di prodotto. Un ragionevole rapporto qualità prezzo (2.8€ al Kg), e se si vanno a spulciare anche gli ingredienti, si rimane piacevolmente stupiti in positivo. Carne di pollo (42%) riso (min. 27%) – mais, olio di pollo, polpe di barbabietola (la barbabietola viene usata per far fare le feci più solide, contro la diarrea), avena, lievito di birra, farina d’uovo intero, farina d’aringhe, olio di pesce, Yucca Schidigera, cistina, F.O.S. (frutto-oligo saccaridi), alghe marine, mononitrato (vitamina B1), riboflavina (vitamina B2), idrocloruro di pirissodina (vitamina B6), cobalamina (vitamina B12), acido d-pantotenico, biotina (vitamina H), niacina (vitamina PP), acido folico, condroitina, glucosamina, ferro (carbonato ferroso), zinco (ossido di zinco), manganese (ossido manganoso), jodio (ioduro di potassio) e selenio (selenito di sodio).

Essendo sottoposti a varie processazioni, i cibi tendono ad eliminare gran parte delle loro proprietà ed’è per questo che alle crocchette vengono aggiunte vitamine ed altre sostanze utili all’organismo.

Ecco una mini guida per acquistare le crocchette giuste per il vostro cucciolo:

1) attenzione ai prodotti con meno di 20/30% di carne o pesce

2) controllare bene che tipo di carne viene utilizzata (a volte si trova scritto “carni”, meglio se specificato pollo o manzo…)

3) il primo elemento riportato negli ingredienti (che solitamente vanno in ordine decrescente), deve essere carne o pesce e non mais

4) diffidare dalle crocchette con elevate quantità di farine animali (in mezzo viene tritato di tutto, dalle interiora ai becchi alle piume…), meglio se farine di pesce

5) “ceneri grezze” è un altra dicitura che può far veramente paura (carcasse di animali di qualunque specie)

6) cercare di acquistare prodotti cruelty-free e cioè che non testano sugli animali.

So che acquistare un mangime corretto potrebbe sembrare difficile e dispendioso, ma vi assicuro che altrimenti a farne le spese sarà il vostro cucciolo, che, in particolare nei primi mesi, ma anche per il resto della sua vita, dovrà fare i conti con carenze alimentari importanti.

L’ideale sarebbe acquistare prodotti freschi e cucinarli quotidianamente. Ma senza integratori non sarebbe il massimo. Se volete fare in casa potete prendere riso integrale, tonno al naturale o alici fresche e cucinare il tutto senza olio né sale. Acquistare qualche integratore alimentare per cani e dare le giuste dosi giornaliere in base al peso.

Per la maggior parte delle persone sarebbe una “schiavitù” ed’è per questo che se ci si orienta su mangimi di qualità,  così non si avranno problemi; fatta eccezione per soggetti intolleranti o che manifestano allergie, perdita di pelo etc., che dovranno seguire un’adeguata terapia e un regime alimentare rigido. Sarà il proprio medico veterinario a valutare il singolo caso e tenere sotto controllo il vostro cane.

Un aspetto fondamentale per chi volesse cambiare mangime, è quello di non togliere di colpo il “vecchio”, ma dosarlo con il “nuovo”…magari all’inizio 80% vecchie crocchette e 20% nuove, poi 50% e 50%…man mano, fino ad arrivare al 100% del nuovo mangime. In tal modo il vostro cane non avrà grandi problemi ad assimilare sostanze differenti.

Altre ottime marche sono Acana, Almo Nature, Exclusion, Forza 10, Prolife, Cibau, Farmina, Giuntini, Naturina etc.

Per tutti voi, se vedete che il vostro amico a 4 zampe cresce sano, è attivo, defeca in modo normale (feci non molle o liquide), ha un bel pelo etc…siate sereni perché avete scelto la giusta alimentazione.